La pediatria di famiglia

Il Pediatra di Famiglia, in base alla Convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale, può seguire i bambini dalla nascita fino al compimento del 14° anno; per particolari situazioni, e su richiesta dei genitori, l’assistenza pediatrica può essere prolungata fino al compimento dei 16 anni.

Il Pediatra di famiglia si prende cura globalmente del bambino dalla nascita all'adolescenza e rappresenta il principale interlocutore della famiglia per la salute dei figli. I suoi compiti nei confronti dei propri assistiti, oltre alla diagnosi e alla cura delle malattie, sono anche la prevenzione e l'educazione sanitaria (quest'ultima riguardante, com'è ovvio, tutta quella sfera di comportamenti familiari che si riflettono sul benessere psico-fisico del bambino).

Per questo, il Pediatra di Famiglia:

  • effettua visite ambulatoriali e domiciliari, a scopo preventivo, diagnostico, e terapeutico;
  • effettua bilanci di salute a diverse età, per controllare lo sviluppo fisico, psichico e sensoriale e ricercare fattori di rischio, con particolare riguardo alla individuazione precoce dei soggetti affetti da handicap neuro sensoriali, secondo i tempi e le metodologie indicate nei programmi regionali;
  • partecipa all’esecuzione di screening di massa per il riconoscimento precoce di alcune malattie;
  • prescrive accertamenti, esami e cure termali;
  • dispone visite o ricoveri e tiene i contatti con gli altri specialisti;
  • coordina la terapia ed i controlli successivi in caso di ricovero o consulto con altri specialisti;
  • effettua gratuitamente le seguenti certificazioni:
    • certificato di ammissione e riammissione all’asilo nido ;
    • certificato di riammissione alle scuole materne, dell'obbligo e secondarie superiori;
    • certificato di malattia del bambino, ai fini dell’astensione dal lavoro del genitore;
    • certificato di idoneità allo svolgimento di attività sportiva non agonistica nell’ambito scolastico nei casi previsti dal DM 28/2/83 (partecipazione ai Giochi della Gioventù nelle fasi precedenti quella Nazionale e alle attività parascolastiche organizzate dalla Scuola).
  • tiene e aggiorna una scheda sanitaria pediatrica individuale;
  • compila e tiene aggiornato il libretto sanitario del singolo bambino ad uso della famiglia;
  • effettua assistenza programmata al domicilio dell’assistito o nel proprio ambulatorio, in caso di alcune malattie croniche, secondo un programma concordato con l’Azienda.